SINDACATO

Lavoratori Immigrati

 

RASSEGNA STAMPA: Economia, 2010-2016 Irpef immigrati +13,4% - INPS, Bonus Mamma Domani anche per cittadine non comunitarie - INPS, proseguono gli incontri con le comunità straniere in Italia

chi siamo


Lo SLI (Sindacato Lavoratori Immigrati), promosso dalla Confederazione Sindacale Nazionale Autonoma dei Lavoratori e dei Pensionati - SI.NA.L.P., ha la finalità di affermare un sistema di tutela dei lavoratori tutti e nello specifico dei lavoratori immigrati.
continua...

dove siamo


Gli uffici della Segreteria Nazionale dello SLI (Sindacato Lavoratori Immigrati) sono situati nel quartiere Europa (EUR) vicino al Nuovo Centro Congressi (noto come “La Nuvola”), l'Archivio Centrale dello Stato, Il Palazzo degli Uffici e il Palazzo dell’INPS.
continua...

patronato


Lo SLI (Sindacato Lavoratori Immigrati), si pone quale efficiente alternativa e valido punto di riferimento, rispetto agli Istituti di Patronato tradizionalmente concepiti, ad esclusivo beneficio degli Iscritti e degli Associati che si potranno rivolgere presso le nostre sedi.
continua...

caf si.na.l.p. srl


Lo SLI (Sindacato Lavoratori Immigrati) offre ai propri Iscritti e Associati un servizio di Assistenza Fiscale per il tramite del CAF SI.NA.L.P. srl e opera su tutto il territorio nazionale per tutelare gli interessi dei lavoratori dipendenti, autonomi e pensionati...
continua...

colf e badanti


Lo SLI (Sindacato Lavoratori Immigrati) offre un servizio di assistenza completo ai lavoratori e lavoratrici impegnati nel lavoro domestico, cioè coloro che prestano un’attività lavorativa continuativa come ad esempio Colf, Badanti, Governanti, Camerieri, Cuochi ecc...
continua...

formazione


Lo SLI (Sindacato Lavoratori Immigrati) in collaborazione con Iform Consulting srl, società leader nel campo della formazione, offre e progetta ai propri Iscritti e Associati , utilizzando linguaggi innovativi e coinvolgenti, percorsi formativi e sistemi integrati...
continua...

servizi assicurativi


Lo SLI (Sindacato Lavoratori Immigrati), in collaborazione con SI.NA.L.P. INSURANCE srl - Intermediazione Assicurativa, grazie alla sua rete di convenzioni, dedica ai propri iscritti e associati un servizio assicurativo di alta qualità a condizioni particolarmente...
continua...

societa' e cultura


BNCRM: riapre Biblioteca IsIAO

A oltre sei anni dalla chiusura dell’Istituto Italiano per l’Africa e l’Oriente (IsIAO), la prestigiosa biblioteca dell’istituto riapre al pubblico negli spazi della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma. Per l’occasione verrà siglata una convenzione tra la Biblioteca Nazionale e il MAECI per la tutela, la valorizzazione e la fruizione della Biblioteca dell’IsIAO. Sarà inoltre allestita una esposizione emblematica dei tesori dell’IsIAO, inserita nell'ambito della campagna nazionale di promozione della lettura Il Maggio dei Libri, che includerà anche una sezione sulle preziose collezioni orientali della Biblioteca Nazionale (visitabile dal 9 maggio al 30 giugno 2017).
La riapertura di una delle biblioteche più complete in Europa sulla storia e la cultura delle civiltà di Africa ed Asia, a lungo attesa da studiosi ed accademici italiani e internazionali, è stata resa possibile dalla collaborazione del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, che dallo scorso novembre cura la liquidazione dell’ente, e del Ministero per i Beni, le Attività Culturali ed il Turismo. Gli sforzi comuni delle due amministrazioni hanno così permesso di salvaguardare la prestigiosa eredità culturale dell’IsIAO e di assicurarne di nuovo la fruibilità da parte del pubblico, restituendo alla cittadinanza uno strumento prezioso per coltivare ed approfondire la conoscenza di culture e popoli sempre più vicini nel mondo del XXI secolo. Il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ha inoltre avviato il riordinamento del prezioso archivio storico dell’IsIAO: alcuni documenti dell’archivio, presto reso accessibile agli studiosi, saranno inseriti nel percorso espositivo.
La biblioteca dell’IsIAO si articola in tre Sezioni per un totale di oltre 180.000 volumi, suddivisi a loro volta in diversi fondi, che costituiscono una testimonianza unica per ricchezza e varietà del materiale custodito: tra di essi spiccano quelli di antichi manoscritti sanscriti e tibetani acquisiti dal fondatore della biblioteca, l’orientalista Giuseppe Tucci, il fondo Dubbiosi con numerose opere manoscritte in arabo ed il fondo Taddei, fondamentale per lo studio dell’arte del Gandhara. Sono parte integrante del patrimonio trasferito presso la sede della Biblioteca Nazionale anche la fototeca africana e la cartoteca, già appartenute all’Istituto Italo Africano, che contano rispettivamente oltre 100.000 tra fotografie e negativi risalenti al periodo coloniale italiano ed oltre 14.000 carte geografiche della stessa epoca storica.
Il patrimonio dell’IsIAO andrà ad integrarsi con le collezioni orientali della BNCR, in particolare il fondo cinese e giapponese, una raccolta unica in Italia per ricchezza e omogeneità di materiale. Il fondo cinese raccoglie circa 1500 titoli per un totale di 13.000 volumi, ai quali bisogna aggiungere nel 1992 il dono dell’Associazione Italia-Cina di circa 6000 volumi; la raccolta di testi giapponesi comprende circa 2500 titoli per 5000 volumi. Il nucleo originale e più consistente del fondo cinese è costituito dalla raccolta di opere conservate dai gesuiti nella Bibliotheca Major del Collegio Romano, che trae origine dai rapporti tra l’ordine religioso e l’Impero cinese a partire dal 1583, anno dell’ingresso in Cina di Matteo Ricci, fino al 1773, anno in cui la Compagnia venne sciolta. Merita un cenno particolare l’opera più famosa del fondo, il manoscritto del Bencao Pinhui Jingyao, prima stesura di un trattato di farmacopea del XVI secolo, compilato per ordine dell’imperatore della dinastia Ming Xiao Zong e riccamente illustrato con 1360 acquarelli.

Tel. 06.4989352/344 - Fax 06.4989339
Email: bnc-rm.ufficiostampa@beniculturali.it
Viale del Castro Pretorio, 105 - 00185 ROMA
http//www.bncrm.beniculturali.it


MUSICA: Progetto “Lirica Senza Frontiere”

Un concerto con la finalità di costruire una scuola lirica in Costa d’Avorio: è il progetto “Lirica Senza Frontiere” promosso dall'Associazione HAMEF che si terrà il 27 maggio 2017 alla Sala dei Baroni Maschio Angioino, a Napoli. Protagonista dell’evento sarà il tenore ivoriano Juliano Fadio, con la partecipazione della giovane soprano coreana Hyewoo Lee e della giovane pianista giapponese Junko Mashima.
La storia di juliano Fadio è un esempio del fatto che la musica lirica, tipicamente italiana per nascita e diffusione, è nei sogni di giovani cantanti lirici di tutto il mondo e in particolare in Africa. . Juliano Fadio è un tenore di origine ivoriana, oggi studente del conservatorio di Terni, che sta emergendo in campo nazionale dopo che, orfano senza sostegno, fu notato casualmente durante un concerto in Togo da una hostess, che per aiutarlo, gli ha pagato il primo viaggio in Italia e il primo anno di conservatorio. Attualmente è sostenuto dall’associazione HAMEF che lo sostiene in tutto. Ed è nell’obiettivo di condividere la fortuna che lo ha baciato, che nasce il progetto di costruire una scuola di canto lirico nel suo paese d’origine, dando la possibilità a ragazzi ivoriani, ed africani in generale, di studiare e conoscere il canto lirico senza lasciare i propri affetti, visto che la mancanza di strutture adatte spesso non offre ai giovani talenti nessuna possibilità di esprimersi spingendoli ad avventure migratorie
Il progetto “Lirica senza confini”, sostenuto dalle associazioni HAMEF – ITALIANS IN THE WORLD – CENTRO AIUTI PER L’ETIOPIA, e nato dalla convinzione che la musica unisca i popoli e costruisca legami fra persone con affinità spirituali valorizzando le differenze di culture ed etnie, è stato promosso dalla Presidente dell’Associazione Onlus HAMEF, in Napoli, Fatou Diako. Ha trovato nella persona del Maestro Claudio Luongo da Venafro (Isernia), un preziosissimo sostegno per realizzare questo progetto, nell’intento condiviso di coinvolgere giovani talenti di diversa nazionalità, all’insegna proprio di una lirica la cui arte e musica spazia al di fuori dei più stretti confini del vivere ordinario, valorizzando le differenze e le competenze ed offrendo un esperienza ai partecipanti che, mantenendo la propria identità culturale, possano ampliarne gli orizzonti attraverso un percorso di arricchimento.
Dal canto suo, uno dei tanti obiettivi dell’Associazione HAMEF, sempre impegnata nella tutela dei deboli e dei loro diritti, è la diffusione della cultura italiana nel mondo e di quella ivoriana all’estero. Finalità felicemente realizzarsi nel progetto “Lirica Senza Confini”.
Particolari ringraziamenti vanno anche all’Associazione 3 Febbraio, il Comune di Napoli e l’Associazione “Italians in the world”, quest’ultima, istitutrice di un premio riservato a musicisti italiani e stranieri impegnati a diffondere la cultura della lirica italiana nel mondo, sotto la direzione artistica di Fabio Andreotti.

assistenza legale


Lo SLI (Sindacato Lavoratori Immigrati) mette a disposizione dei propri iscritti e associati che si trovano quotidianamente in difficoltà, un servizio rapido ed efficiente di consulenza e/o assistenza giuridica. La nostra consulenza viene fornita da un team di professionisti...
continua...

societa' e cultura


A oltre sei anni dalla chiusura dell’Istituto Italiano per l’Africa e l’Oriente (IsIAO), la prestigiosa biblioteca dell’istituto riapre al pubblico negli spazi della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma. Per l’occasione verrà siglata una convenzione tra la Biblioteca Nazionale e il MAECI...
continua...

scuola


Come e più che per i coetanei italiani, per i ragazzi stranieri gli abbandoni precoci non sono solo un rischio. Per il concorso di più motivi, attinenti a percorsi scolastici spesso insidiati da ritardi e ripetenze, al bisogno di contribuire il prima possibile al reddito familiare...
continua...

lavoro


L'analisi conferma l'inversione dei trend occupazionali che hanno caratterizzato il mercato del lavoro degli ultimi anni. I dati del 2015 registrano, secondo i dati ISTAT, una crescita del numero degli occupati comunitari (+34.300 circa) e non comunitari (+30.650 circa).
continua...

sanita'


Tutti gli stranieri non appartenenti all’Unione Europea presenti in Italia con regolare permesso di soggiorno, hanno l’obbligo di iscriversi al Servizio Sanitario Nazionale. Con l’iscrizione si acquisiscono gli stessi diritti e doveri di assistenza riconosciuti ai...
continua...

convenzioni


I lavoratori e pensionati iscritti e associati allo SLI (Sindacato Lavoratori Immigrati) in collaborazione con il SI.NA.L.P. (Confederazione Sindacale Nazionale Autonoma dei Lavoratori e dei Pensionati) possono scegliere soluzioni di telefonia mobile e fissa...
continua...

links utili


Lo SLI (Sindacato Lavoratori Immigrati) mette a disposizione dei propri iscritti e associati, una raccolta di links più utilizzati, in costante aggiornamento, anche per quanto riguarda links più specifici ad esempio: Ministero dell'Interno, Economia, Istruzione, Università, ecc...
continua...

I NOSTRI PARTNERS - I NOSTRI PARTNERS - I NOSTRI PARTNERS - I NOSTRI PARTNERS - I NOSTRI PARTNERS